Translate

sabato 3 settembre 2016

poesia Teresa di Calcutta

In occasione della canonizzazione di Madre Teresa di Calcutta, mi sembra opportuno condividere una poesia che ho dedicato qualche anno fa a questa piccola grande donna che ha speso tutta la sua vita per gli altri, per i più poveri tra i poveri.
Un sentiero scomodo che tutti noi siamo invitati a seguire con pazienza e umiltà, confidando nell’aiuto del Signore.


Madre Teresa con i bambini più poveri


Teresa di Calcutta

13/12/1994

Cammina lentamente
Teresa di Calcutta,
lei vive per la strada,
tra la gente più brutta.
Tra volti sofferenti
risplende il suo sorriso
e chi è già morente
si specchia nel suo viso.
Con le sue suore accorre
sempre Madre Teresa,
tra chi la gente aborre
lei porterà la Chiesa.
A chi la chiama santa,
un po’ frettolosamente
«la strada è ancora tanta»
ripete lei, umilmente.
Sia lodato sempre
il sommo Creatore
che ha acceso in lei
il gran fuoco d’amore.
Quando il suo cuore stanco
cesserà di vibrare
possa dal Paradiso
continuare ad amare.
E quella strana gente
che lei ha amato tanto
un dì la condurrà
nel novero dei santi.
Con il suo passo stanco
lei segna lentamente
un sentiero amico:
seguiamola umilmente.


(tratta da Lungo gli argini)




il sorriso di Madre Teresa