Translate

mercoledì 31 gennaio 2018

La stanza di Anna





Quest'anno avevo scelto di non scrivere niente in occasione del giorno della Memoria.
Mi sono chiesto se fosse opportuno aggiungere anche la mia voce ai tanti contributi sul tema, se non ci fosse il rischio di una saturazione mediatica, di parlarne troppo per un giorno e poi dimenticarlo per il resto del'anno, giusto per sentirci la coscienza a posto.

Mi sono chiesto se tutte queste parole fossero davvero utili o ci fosse il rischio di un effetto rigetto, di allontanare le giovani generazioni da certi temi oppure che a furia di ascoltare queste storie si finisca per assuefarsi al dolore, per non provare più rabbia per quanto è accaduto, per confondere realtà storica e fiction.
Poi, per caso, ho scoperto che Federica Pannocchia aveva collaborato al TG2 Dossier e ho deciso di scrivere un breve post per promuoverlo, per ricordare i libri che lei e Maricla hanno scritto sul tema.
Non so se imporre l'obbligo di ricordare aiuti davvero a non dimenticare quel che è accaduto, preferirei che la scelta di interessarsi di certi temi nascesse in maniera consapevole, ma forse può essere un primo passo per cominciare a capire, per non dare spazio a chi vorrebbe cancellare ogni memoria e riscrivere la storia.. 


Picture

Risultati immagini per anna frank
Anna Frank
In occasione della Giornata della Memoria 2018 TG2 Dossier ha trasmesso un servizio intitolato La stanza di Anna, contenente una toccante testimonianza sulla Shoah della neo senatrice a vita Liliana Segre.
Tra gli intervistati anche Federica Pannocchia, presidente dell'associazione Un ponte per Anne Frank, una'autrice che ho avuto modo di recensire più volte sul mio blog.
Lei e sua sorella Maricla, due brave scrittrici e ormai anche due amiche, qualche anno fa hanno pubblicato, con gli pseudonimi di Sofia e Rebecca Domino, anche due romanzi dedicati alla Shoah:
- La mia amica ebrea (Rebecca Domino) - la mia recensione
- Quando dal cielo cadevano le stelle (Sofia Domino, recentemente ristampato col vero nome Federica Pannocchia) - la mia recensione (Ops, purtroppo devo ancora scriverla, spero presto ;-) )

È possibile rivedere la puntata di TG2 Dossier su Raiplay.

martedì 2 gennaio 2018

Le mie letture per il 2018



Buon anno a tutti! ;-)
Qualche mese fa avevo stilato una lista di libri che avrei voluto leggere entro l'anno 2017.
Alcuni li ho letti, alcuni sono attualmente in lettura, altri sono ancora in attesa, altri si sono aggiunti prepotentemente scavalcando quelli già in lista.
Mi sembra giusto cominciare il nuovo anno con un breve riepilogo della situazione, ribadendo gli obiettivi da raggiungere nel 2018.
Da alcuni anni partecipo al Goodreads Reading Challenge, una competizione in cui ogni lettore fissa i propri obiettivi di lettura e cerca di raggiungerli entro la fine dell'anno.

Per il 2017 avevo ottimisticamente fissato il traguardo a 50; in realtà sono riuscito ad arrivare solo a 21 libri letti, comunque un buon risultato tenendo conto del ritmi frenetici dell'era moderna e del crescente disamore per la lettura. Questo è il mio profilo.

E voi quanti libri leggerete quest'anno ?


Libri letti

  • Emilio Salgari - I Pirati della Malesia
  • Emilio Salgari - La rivincita di Yanez
  • Allison J. Wade - Artemis 
  • Giovannino Guareschi - don Camillo Tutti i racconti - parte 1
  • Giovannino Guareschi - don Camillo Tutti i racconti - parte 2
  • Giovannino Guareschi - don Camillo Tutti i racconti - parte 3
  • Giovannino Guareschi - don Camillo Tutti i racconti - parte 4
  • Giovannino Guareschi - don Camillo Tutti i racconti - parte 5
  • Giovannino Guareschi - Il marito in collegio
  • Giovannino Guareschi - Vita di famiglia
altri libri letti (fuori lista)
  • Tullio De Mauro - Prima lezione sul linguaggio 
  • Giuseppe Patota e Fabio Rossi (a cura di ) - L'taliano al cinema - l'italiano nel cinema
  • Carme Aris e LLuisa Cladellas (a cura di) - Fiabe saharawi
  • Ferenc Molnar - I ragazzi della via Pal
  • Lorenzo Milani - A che serve avere le mani pulite se si tengono in tasca
  • Lorenzo Milani - Lettera a una professoressa
  • Lorenzo Milani - L'obbedienza non è più una virtù
  • Lorenzo Milani - Lettere di don Milani, priore di Barbiana
  • Emilio Salgari - Alla conquista della Luna
  • AA. VV. Siamo solo noi: 5 scrittori raccontano Vasco
  • Carlo Santi -La bibbia oscura
  • Enrico Bellone - La scienza negata: il caso italiano
  • Ernesto Ferrero - Disegnare il vento

Libri in lettura

Ripresa la lettura dei libri del ciclo di Salgari dedicata a Sandokan, 11 testi di cui solo 2 letti finora, in ordine sparso. Per seguire l'ordine cronologico e apprendere alcune notizie aggiuntive sono ripartito dall'inizio, affidandomi alla versione ebook della raccolta Tutte le avventure di Sandokan  realizzata dalla Newton Compton.

Ancora in lettura anche l'unico cartaceo della lista: Ho attraversato la valle solitaria di Francesco Resta, al momento sono circa a metà percorso.

Da leggere

Classici

Resta ancora tutto da leggere il gruppo dedicato ai classici, cui si è aggiunta una raccolta di racconti di H. G. Wells.

  • Jack London - I grandi romanzi e i racconti - link
  • R. L. Stevenson - Il club dei suicidi - link
  • Charles Dickens - I grandi romanzi - link
  • Joseph Conrad - Cuore di tenebra - link
  • Harriet Beecher Stowe - La capanna dello zio Tom - link
  • H. G. Wells. - Racconti dello spazio e del tempo - link

---

Nuovi Autori/Autrici

Praticamente inalterata, la lista dedicata ai nuovi autori/autrici a parte la lettura di Artemis di Allison J. Wade, di cui ho scritto anche una recensione, e il deludente Il trionfo dell'impiegato, in apparenza solo un'accozzaglia di frasi senza senso, molto lontana dalle ironiche vicende familiari narrate anni fa da Fabrizio Venerandi sul canale ICM (it.computer.macintosh).

  • Rita Carla Francesca Monticelli - L'isola di Gaia - link
  • Rita Carla Francesca Monticelli - Il mentore - link
  • Rita Carla Francesca Monticelli - Affinità d'intenti - link
  • Rita Carla Francesca Monticelli - Sindrome - link
  • Giovanni Venturi - Racconti dall'isola - link
  • Giovanni Venturi - Joe è tra noi - link
  • Massimo Baglione - La donna dipinta per caso - link
  • Massimo Baglione - Un passo indietro - link
  • Dominique Bisset - Menhir - link
  • Allison J. Wade - Artemis link
  • Alessandro Girola - Il treno di Moebius - link
  • Alessandro Panico - Le impronte dell'angelo - link
  • Francesco Resta - Ho attraversato la valle solitaria - link
  • Rocco Barbalinardo - Il prezzo dell'onore - link
  • Samantha L'Ile - Generazione magica - link
  • Roberto Tartaglia - Lo scacciapensieri - link
  • Laura Schirru - New Babel - download FREE



venerdì 17 novembre 2017

Artemis (Allison Wade)


Ci sono autori/autrici che ritornano periodicamente nelle mie letture e di conseguenza nelle recensioni che vi propongo saltuariamente.
È il caso di Allison Wade, brava scrittrice di cui già ho avuto modo di consigliare alcuni scritti; oggi commento il suo Artemis, racconto di fantascienza proposto in ebook in edizione bilingue inglese/italiana nel 2016.



Artemis (Allison Wade)

Artemis affronta in maniera originale e con uno stile molto personale il tema dei viaggi nel tempo, impresa non facile, visti i tanti libri e film già dedicati all'argomento.
Qualunque punto di vista si scelga, si corre sempre il rischio di riproporre, magari inconsapevolmente, idee già apparse in qualche classico della fantascienza.
Allison a mio parere è riuscita a trovare una sua strada, utilizzando uno stile di narrazione fatto di capitoli brevi e concisi, come frammenti di memoria che riemergono in maniera casuale e aiutano il lettore a ricostruire il ritratto della protagonista.
Nella prima scena Artemis appare confusa, si è appena risvegliata all'interno di una stanza, forse ferita o prigioniera, senza ricordare niente del proprio passato, di chi sia e cosa faccia in quel luogo.
Lentamente si riprende dal torpore e cerca di esplorare il mondo intorno a lei, di ricordare il proprio passato.
L'autrice fornisce pochi indizi, lasciando che il lettore scopra i particolari insieme ad Artemis, si immedesimi in lei e nella sua situazione angosciante.
Diventa istintivo leggere il racconto tutto d'un fiato, macinare un capitolo dopo l'altro per arrivare a costruirsi un quadro della situazione, capire chi sia davvero Artemis mettendo insieme i pochi elementi a disposizione.
Non mi soffermo troppo sui particolari della storia per evitare spoiler, posso dire solo che Artemis è un'agente della Chronos Incorporated, incaricata di viaggiare "indietro nel tempo per sistemare cose del passato e avere un futuro migliore", in qualche modo le sue azioni influenzano il destino dell'umanità.
La storia si svolge su diversi piani temporali, spesso accennati solo da un frammento di memoria o da un piccolo riferimento storico, ed è stato concepito inizialmente nel 1999, anno in cui è ambientata parte della storia.
 Il testo originale è stato scritto in inglese e solo successivamente tradotta in italiano.

La trama mi ha ricordato vagamente La fine dell'eternità di Isaac Asimov, che ho letto parecchi anni fa, ma l'autrice ha saputo trovare una sua chiave originale per raccontare la sua storia senza farsi influenzare dagli autori del passato o ricadere nel già visto.

Ho avuto la fortuna di leggere recentemente una versione preliminare dell'opera, uscita nel 2016 come ebook singolo e oggi introvabile.
Attualmente Artemis è inserita in versione italiana nella raccolta Waderland e in lingua inglese in coppia con un altro racconto a tema sovrappopolazione intitolato 18 Billion.


Titolo: Artemis

Autore: Allison Wade
Traduttore: Allison Wade
Editore: Wade Books
Lingua: Inglese e Italiano
Ebook: Amazon




giovedì 9 novembre 2017

Focus Writer, scrivere senza distrazioni




Per inaugurare la nuova rubrica FreeSoft ho scelto Focus Writer, un programma che riproduce una semplice macchina da scrivere, consentendo di concentrarsi solo sul testo.
Un ritorno alle origini, quando ricopiavo gli esercizi dal manuale di dattilografia per imparare a usare da autodidatta la Olivetti Lettera 22 di mio padre o ribattevo i miei primi testi.


 

Chi scrive per lavoro o per passione spesso ha la necessità di concentrarsi soltanto sul testo, lasciando fuori ogni altro pensiero, senza distrazioni.
Un tempo ci si chiudeva in camera e si lasciava scorrere la penna sul foglio bianco o si utilizzava la macchina da scrivere, stando attenti a non commettere errori di battitura, una preoccupazione che obbligava a tenere sempre al massimo la soglia di attenzione.
Chi ha avuto esperienze di dattilografia conosce bene la fatica e la frustrazione di dover ribattere un lungo testo solo per un piccolo errore, magari proprio nelle ultime righe.
I moderni computer offrono la comodità di scrivere, correggere e soprattutto salvare periodicamente il proprio scritto per evitare perdite accidentali, ma purtroppo spesso lo schermo è appesantito da icone, menù, notifiche e altri elementi che tendono ad attirare la nostra attenzione e distrarci da quello che stiamo scrivendo, facendoci spesso perdere tempo prezioso.


Focus Writer, scrivere senza distrazioni

Focus Writer è un comodo elaboratore testi, abbastanza essenziale, una sorta di macchina da scrivere su schermo, di cui (se vogliamo) può riprodurre anche il caratteristico ticchettio.
Abbastanza leggero e veloce, ottimo per scrivere una prima bozza o fissare appunti rapidamente,
Focus Writer è gratuito e Open Source per Windows, Mac e Linux, disponibile in varie lingue compreso l'italiano, anche in modalità portatile.
Possiamo personalizzare gli elementi da visualizzare sullo schermo: la barra superiore, utile per avere tutti i comandi a portata di mano, quella inferiore che contiene tutte le statistiche sull'uso di caratteri, parole e paragrafi e l'elenco degli ultimi file utilizzati.
Nella modalità più spartana compare solamente il testo, di cui è possibile scegliere font e dimensione, su uno sfondo grigio. Avvicinando il mouse ai bordi dello schermo è possibile comunque in ogni momento visualizzare tutti gli elementi tramite comode finestre a scomparsa.
Sono disponibili alcuni Temi, personalizzabili, che consentono di avere un'immagine o un colore di sfondo abbinata al font prescelto.
Personalmente preferisco la modalità di default, con sfondo grigio e tutte le barre ben visibili, ma ciascuno potrà scegliere la combinazione più funzionale al proprio modo di lavorare.
All’inizio ero un po’ scettico sull’utilità di questo programma, disponibile anche in versione portatile, ma dopo qualche ora d’uso mi sono reso conto della sua comodità per buttare giù appunti veloci o scrivere testi rapidamente.
Non ha tutte le funzioni (spesso inutili) dei più noti programmi di elaborazione testi o meglio ha le cose essenziali, permettendo di comporre il testo e salvarlo nei formati più comuni (ODT, FODT,DOCX, RTF, TXT) per poi eventualmente rielaborarlo con programmi più sofisticati.
Io lo uso in abbinamento con LibreOffice, ma è possibile usare anche Word, OpenOffice o altri programmi di videoscrittura.
Tra i formati utilizzabili figura anche il FODT (Open Document Flat XML), sigla misteriosa che non conoscevo; in pratica è una variante testuale non compressa del formato ODT usato da LibreOffice/OpeOffice e tanti altri programmi. In merito vi consiglio l’esauriente articolo scritto da Roberto Rossi su Red Char.


Uno sguardo ai comandi

Sul bordo superiore sono disponibili i classici menù (File, Modifica, Formato, Strumenti, Impostazioni , Aiuto) e le icone dei comandi principali (Nuovo, Apri, Salva, Annulla, Ripeti, Taglia, Copia, Incolla, Trova, Sostituisci, Temi).
Sul bordo inferiore troviamo utili informazioni sul numero di parole, pagine, paragrafi e caratteri utilizzati;  possiamo inoltre vedere in percentuale se abbiamo raggiunto l'obiettivo giornaliero di scrittura e la lista degli ultimi file utilizzati.
Una particolarità di Focus Writer, da cui forse deriva il suo nome, è la possibilità di evidenziare la porzione di testo che stiamo componendo, focalizzandoci solo su quella,  scegliendo tra le modalità Nessuno, Una Linea, Tre Linee e Paragrafo.
Molto comoda la funzione "obiettivo giornaliero di scrittura" che viene incontro a chi ha l’abitudine di scrivere ogni giorno qualche riga, permettendo di fissare in minuti o in parole il nostro traguardo giornaliero, evidenziando i nostri progressi.
Altra funzione utile è la possibilità di raggruppare i file in sessioni di lavoro distinte, suddividendoli per esempio in base all'argomento.
Inserendo i caratteri divisori ## è possibile suddividere un testo in scene, riordinabili grazie alla finestra a scomparsa situata sul lato sinistro. Sul lato destro troviamo invece la consueta barra di scorrimento.

Sito originale
Graeme Gott
https://gottcode.org/focuswriter/
Versione attuale 1.6.7

Programmi simili
Q10
http://www.baara.com/q10/
http://punto-informatico.it/s_2119325/Download/News/q10.aspx

JDarkRoom
http://www.codealchemists.com/jdarkroom/
http://punto-informatico.it/s_2269673/Download/News/jdarkroom.aspx


Per approfondire
http://punto-informatico.it/s_2631002/Download/News/focuswriter.aspx
https://it.softonic.com/download/focuswriter/windows
https://www.techspot.com/downloads/5642-focuswriter.html
https://focuswriter.it.uptodown.com/windows
https://focuswriter.forumer.it/

martedì 31 ottobre 2017

novità Novembre 2017




Da novembre 2017 partono due nuove rubriche, nate per arricchire il blog con nuove informazioni, puntando su testi più brevi e più frequenti per evitare i lunghi periodi di silenzio del passato.

Liber uscita


 La prima rubrica si chiama «Liber uscita», dedicata alle nuove proposte letterarie o ai libri che mi hanno incuriosito.
Visti i tempi non sempre celeri delle mie recensioni ho pensato fosse opportuno proporre una selezione di titoli che mi sembrano degni di attenzione, senza dovervi far aspettare di terminare la lettura de libro.
In questo caso, chiaramente, il mio giudizio si baserà solo sulle prime impressioni e sulle pagine di anteprima eventualmente presenti e non su una lettura approfondita del testo.
Un modo per dare visibilità a tanti testi di qualità, in maniera più rapida e senza stravolgere i miei ritmi di lettura. Un assaggio del testo in attesa, se possibile, di un'eventuale futura recensione.
Se leggete questi libri prima di me, fatemi sapere le vostre impressioni, se è stato apprezzato oppure non condividete il mio consiglio di lettura.
Il nome della rubrica gioca un po' sul termine latino «Liber», inteso sia come libro che come libero, per indicare le proposte librarie che mi sento di consigliare.
Ospiterà sia nuove uscite, sia testi un po' più datati che ancora attendono il loro turno sullo scaffale per essere letti, privilegiando come sempre autori/autrici meno noti.

FreeSoft

 

La seconda rubrica si chiama «FreeSoft» e sarà dedicata a una carrellata di programmi utili, in genere rigorosamente free o open source, che ho avuto modo di conoscere e provare personalmente.
Software poco noti che spesso possono offrire una valida alternativa gratuita a nomi più blasonati e costosi, visti con l'occhio curioso del comune fruitore, dell'appassionato, più che dell'esperto informatico o grafico, senza addentrarmi troppo nelle specifiche tecniche.
Se possibile, cercherò di segnalare soprattutto programmi multipiattaforma disponibili anche in versione italiana,

venerdì 13 ottobre 2017

La discarica degli ebook gratuiti


Ebook gratuiti scaricabili da internet. Prima era il txt, poi il lit e il pdf, oggi l'epub e il mobi. E tanti altri formati che hanno avuto vita effimera. La smania di scaricare i tanti testi disponibili gratuitamente sulla Rete, ha preso un po' tutti prima o poi, trasformandoci spesso in accumulatori di libri digitali che forse non leggeremo mai.

La parola magica
Capita spesso, girando sui vari blog letterari, gruppi facebook, siti di autori esordienti o sugli store online di imbattersi in ebook scaricabili gratis.
Libri che in genere non ci servono, di autori/autrici che non conosciamo e che forse non avremmo mai considerato prima, che forse mai troveremo il tempo di leggere.
Ma la magica parola GRATIS ci entra in testa come un tarlo e quasi sempre inevitabilmente finiamo per scaricare quel file che andrà a perdersi nei meandri del nostro affollato hard disk.
Perdersi davvero perché col tempo dimenticheremo di averlo acquistato o scaricato, dimenticheremo la sua stessa esistenza, salvo ritrovarlo per caso successivamente e chiederci poi "come mai non l'abbiamo ancora letto?".
Per ovviare in parte a questo problema qualche mese fa ho provato a stilare una prima lista dei 40 libri da leggere, una classifica di priorità che inevitabilmente finisce per essere stravolta da nuovi arrivi o da altri testi che si decide di riprendere prima o in contemporanea a quella ufficiale, ma almeno ci aiuta a tenere memoria di ciò che vorremmo leggere.

Alla scoperta di libri interessanti
Molti autori/autrici mettono a disposizione gratuitamente alcuni loro testi per farsi conoscere, permettere al lettore di toccare con mano il loro stile di scrittura, leggere in anteprima le loro creazioni e attirare lettori verso le altre produzioni a pagamento
Scaricare gratis testi di autori sconosciuti a volte può essere un modo per scoprire testi interessanti senza correre rischi, per trasformarsi in talent scout letterari riuscendo a dare attenzione e visibilità ad autori/autrici meritevoli.
Una possibilità che forse anche le case editrici dovrebbero ogni tanto considerare, visto che ormai molte hanno abdicato al loro ruolo di scopritori di nuovi talenti letterari.
Tempo fa un autore (di cui non ricordo il nome) si chiedeva sconsolato come mai i lettori scaricano facilmente testi gratuiti di sconosciuti e poi non sono disposti a spendere pochi euro per lo stesso prodotto.
Dal punto di vista economico la differenza fra scaricare un libro gratis o acquistarlo a un prezzo abbordabile spesso è minima. Spendere uno, due euro per un buon libro non è una spesa eccessiva, considerando che c'è gente che spende centinaia di euro per l'ultimo modello di cellulare o gadget tecnologico. Certo, moltiplicando la piccola cifra richiesta per il notevole numero di autori esistenti un lettore forte può arrivare anche a cifre importanti.

L'altra faccia delle classifiche
Fino a qualche anno fa gli ebook gratuiti erano in genere disponibili sul sito dell'autore/autrice, della casa editrice o su piccoli portali che raccolgono opere di più scrittori/scrittrici oppure archivi come Liber Liber che ospitano classici non più coperti da diritti.
Oggi i testi sono ospitati anche sulle grandi librerie digitali, in particolare su Amazon che permette di mettere periodicamente il proprio testo in promozione gratuita concedendo l'esclusiva per un certo periodo.
Ogni volta che qualcuno scarica un ebook dalla piattaforma, indipendentemente dal gradimento o dall'effettiva lettura del testo, i contatori segnano solo il mero dato del totale dei download, rielaborando poi i dati in base ai loro algoritmi segreti.
Il risultato finale è che il libro fa un balzo nele classifiche di vendita, anche se in realtà non è stato venduto, ma regalato. L'entita del balzo dipende naturalmente da quante copie sono state vendute, ma anche da quanti hanno acquistato il testo nello stesso momento.
Un libro che vende tre copie nello stesso giorno probabilmente salirà in classifica più di uno che ne vende trenta in un mese. Salire in classifiche poi garantisce una maggiore visibilità e, potenzialmente, maggiori vendite reali terminata la fase promozionale gratuita.
Un circolo vizioso che si autoalimenta e che autori senza scrupoli a volte influenzano acquistando quantità cospicue di un testo solo per fargli guadagnare posizioni in classifica
.
Tante volte mi sono imposto di smettere di scaricare ebook gratuiti di sconosciuti, concentrandomi solo su quelli acquistati o di autori che già conosco, anche per smettere di alimentare involontariamente questo fenomeno e non aiutare chi utilizza questi trucchi per risalire le classifiche.
Ma la curiosità spesso prevale, per un lettore ogni testo nuovo è come una sfida.
Personalmente ho smesso di credere alle classifiche di Amazon (e altre piattaforme simili) quando per una fortuita coincidenza ho venduto nello stesso giorno più copie del mio primo libro di poesie; pochi acquisti quasi in contemporanea in un settore di nicchia che per poche ore mi hanno portato addirittura nella top ten della categorie poesia, tra Dante e Leopardi.
Una bella soddisfazione, che per quanche istante ha alimentato la mia autostima, poi la consapevolezza che c'era qualcosa di strano nelle classifiche e negli asettici algoritmi che le compongono.
Per correttezza c'è da dire che Amazon dopo alcune settimane chiede al potenziale lettore di scrivere una recensione, ma credo siano in pochi a lasciare un commento nei tempi richiesti, per cui rimane sempre un'incognita se i libri scaricati vengano realmente letti.

L'accumulo indifferenziato
Avete mai scaricato degli ebook da una libreria online?
In genere i testi vengono depositati in una cartella di download con un nome generico, diverso a seconda della piattaforma utilizzata.
In genere ogni piattaforma ha anche un suo programma di lettura scaricabile sul computer o disponibile online, che permette di leggere sul pc o smartphone tutti i libri acquistati oppure di trasferirli direttamente sul lettore ebook dopo l'acquisto senza preoccuparsi della sua posizione nell'hard disk.
Un sistema comodo, certo, ma a volte c'è l'esigenza di copiare manualmente i propri ebook su lettori più datati e allora comincia il problema di rintracciare gli epub richiesti.

  • IBS Tolino usa uno schema tipo COGNOME AUTORE_TITOLO_ISBN.epub per cui possiamo trovarci file con nomi come Basile_Lo-cunto-de-li-cunti-(Classici_9786050384581.epub, ancora abbastanza comprensibili. 
  • Amazon usa il codice ASIN più il suffisso EBOK per i testi completi e EBSP per le anteprime, completati dall'estensione azw che è in realtà un formato mobi proprietario. Per chi non ha un Kindle il file risulta illeggibile, a meno che non si faccia la conversione con software come Calibre, che in genere offre buoni risultati.Analogo discorso vale al contrario se si possiedono degli epub da leggere sul kindle.
  • Kobo trasforma i normali epub in un formato proprietario kepub, non utilizzabile su altri lettori.
In genere ogni piattaforma o lettore ha un suo modo di denominare e riconoscere il file per cui spesso occorre rinominarlo manualmente per trasformarlo in qualcosa di umanamente comprensibile per un comune lettore, qualcosa del tipo NOME AUTORE - TITOLO più l'estensione.
Almeno io preferisco avere i titoli in questo formato, altri magari potranno usare una denominazione diversa.
Chiaramente se si scaricano tanti file e non si ha l'accortezza di svolgere questa operazione subito dopo il download, spesso capita che gli ebook si confondano con gli altri file presenti nel computer e dopo un po' se ne perda perfino il ricordo. Tanto che a volte nel dubbio si finisce per scaricare più volte un ebook che già abbiamo "da qualche parte".
In questo Amazon offre una comoda funzione che ci ricorda se e quando abbiamo già comprato un ebook, preservandoci da acquisti multipli. Una possibilità che spero venga inserita anche dalle altre piattaforme di vendita.
Le altri store online li ho usati poco per cui non posso dare al momento indicazioni o giudizi.

Catalogare gli ebook dispersi
Per fare un po' d'ordine nel proprio archivio di ebook consiglio di impostare l'ordinamento per tipo di file, in modo da isolare tutti gli epub, mobi, azw o altri formati ebook presenti e eventualmente rinominarli come desiderato.
Per archiviare e gestire molti ebook ci si può anche affidare al solito Calibre, che ci permette di creare una biblioteca dei file inseriti manualmente o presenti in una certa cartella.
Un pregio/difetto di questo programma è che crea un suo archivio, copiando tutti i file in una serie di cartelle con una denominazione  definita dal programma.
Ottimo se non si vuole rischiare di perdere qualche dato.
Pessimo se si ha poco spazio a disposizione o si preferisce denominare i file secondo regole personali.
Anche Adobe Digital Edition crea una sua cartella degli epub, rinominandoli a suo modo.
Personalmente non uso molto questo programma, che in passato mi ha dato qualche problema, ma è ancora purtroppo indispensabile per gli epub protetti con il DRM Adobe.

Recentemente ho scoperto un buon programma chiamato Icecream Epub Reader che consente di leggere i file epub/mobi/etc dalla loro posizione attuale, senza creare copie aggiuntive ridondanti.
Come Calibre, consente di creare anche un elenco dei propri ebook in formato .ebr e inoltre visualiza direttamente nell'indice la percentuale di testo già letto.
Mi sembra abbastanza veloce ed efficiente, una buona alternativa ai software già citati.
C'è ancora qualche piccolo difetto, a mio parere.
  • il font impostato di default è forse è un po' troppo piccolo
  • lo scorrimento pagina tramite la barra di scorrimento o  la rotellina del mouse non funziona bene con file pdf e cbr/cbz. Per spostarsi meglio usare i tasti di Pag su / Pag giù presenti sulla tastiera.
  • sarebbe bene aggiungere sullo schermo anche un paio di pulsanti avanti/indietro per spostarsi velocemente da una pagina all'altra.
  • manca un richiamo visivo perr segnalare la presenza di un segnalibro sulla pagina.

venerdì 4 agosto 2017

40 Buoni propositi per le letture estive




Lo so, in genere i buoni propositi per le letture o i grandi progetti si fanno a inizio anno (e si dimenticano dopo poche settimane), ma in questi giorni mi sono reso conto di avere tanti libri ancora da leggere (e a volte da recensire).
Col tempo i libri cartacei o i file digitali si accumulano sullo scaffale, fisico o virtuale che sia, e ogni tanto occorre fare un po' d'ordine, fare una lista delle priorità, giusto per avere un'idea.
Ho pensato così di condividere l'elenco dei libri che vorrei leggere entro l'anno (o giù di lì). ;-)


Ragazza che legge - foto Morguefile
Sono 40 titoli, in ossequio alla moda delle liste numeriche,  pescati un po' a caso, un po' per scelta tra quelli acquistati, ricevuti, scaricati, trovati in giro; insomma i libri che da qualche mese (e a volte anno) mi chiedono insistentemente di entrare nel loro mondo.
Titoli che per qualche ragione hanno attirato la mia attenzione in passato e ho desiderato leggere, ma che poi per varie ragioni non ho ancora avuto modo di assaporare.
Mi sembra giusto rendere in parte pubblica questa mia selezione personale, anche per offrire visibilità a tanti titoli interessanti che finora non ho ancora avuto modo di leggere, per dare spazio ad autori e autrici di talento ancora poco conosciuti o a classici da riscoprire.
L'ordine di inserimento è casuale e l'elenco comprende anche raccolte contenenti più titoli; quando possibile ho cercato di indicare anche un link di riferimento per reperire le opere.
Alcuni autori/autrici compaiono più volte, segno che ho fiducia nel loro talento o probabilmente ho già avuto modo di leggere e apprezzare qualche loro scritto precedente, ma non ancora il tempo di mettermi in pari con la loro produzione successiva. Sono presenti molti libri di autori indipendenti, self publisher o pubblicati con piccole case editrici, titoli che difficilmente trovano spazio sui normali siti di informazione libraria.
Non so se siano i libri migliori, ogni scelta è assolutamente soggettiva.
Sicuramente ce ne saranno di ogni tipo: libri molto belli, testi interessanti ma ancora acerbi, forse anche qualche libro da dimenticare. Come in tutte le biblioteche. ;-)

Cercherò di tenervi aggiornati sui miei progressi di lettura nei prossimi mesi, evidenziando in grassetto i titoli a mano a mano che vengono letti.
Spero comunque di avervi incuriositi e invogliati a scoprire almeno alcuni di questi testi.

in lettura

Emilio Salgari è un autore molto noto, forse ingiustamente considerato solo lettura per ragazzi. Uno scrittore prolifico che ha sofferto molto in vita per i contratti capestro impostigli da alcuni editori.
Da qualche anno la sua produzione letteraria è diventata "libera da diritti" per cui sono oggi disponibili online anche molte versioni gratuite dei suoi testi, fra tutte ricordo quelle disponibili su Liber Liber.
In passato ho un po' trascurato la produzione salgariana, leggendo più i libri di Jules Verne. Cerco di recuperare, partendo dal ciclo dedicato a Sandokan e ai pirati della malesia, reso famoso dall'omonimo sceneggiato televisivo RAI.

1) I Misteri della Jungla Nera (1895)
2) Le Tigri di Mompracem (1900)
3) I Pirati della Malesia (1896)
4) Le due Tigri (1904)
5) Il Re del Mare (1906)
6) Alla conquista di un impero (1907)
7) Sandokan alla riscossa (1907)
8) La riconquista del Mompracem (1908)
9) Il Bramino dell'Assam (1911)
10) La caduta di un impero (1911)
11) La rivincita di Yanez (1913)

---
Tutti conoscono le avventure di don Camillo e Peppone, rese celebri dai film con Fernandel e Gino Cervi, ma forse pochi hanno avuto l'occasione di leggere i racconti brevi di Guareschi da cui sono tratti. 
In aggiunta consiglio anche un racconto poco noto,  Il marito in collegio, una divertente storia sulle ipocrisie e i sotterfugi di una famiglia ricca di titoli nobiliari, ma non di denaro. 
Nel 1977 è stato girato un film omonimo con Enrico Montesano e Silvia Dionisio, ispirato alle vicende del racconto.

12) Giovannino Guareschi - don Camillo Tutti i racconti - parte 1
13) Giovannino Guareschi - don Camillo Tutti i racconti - parte 2
14) Giovannino Guareschi - don Camillo Tutti i racconti - parte 3
15) Giovannino Guareschi - don Camillo Tutti i racconti - parte 4
16) Giovannino Guareschi - don Camillo Tutti i racconti - parte 5
link ebook Don Camillo e Peppone
17) Giovannino Guareschi - Il marito in collegio - link
---

Classici

18) Jack London - I grandi romanzi e i racconti - link
19) R. L. Stevenson - Il club dei suicidi - link
20) Charles Dickens - I grandi romanzi - link
21) Joseph Conrad - Cuore di tenebra - link
22) Harriet Beecher Stowe - La capanna dello zio Tom - link

---

Nuovi Autori/Autrici

23) Rita Carla Francesca Monticelli - L'isola di Gaia - link
24) Rita Carla Francesca Monticelli - Il mentore - link
25) Rita Carla Francesca Monticelli - Affinità d'intenti - link
26) Rita Carla Francesca Monticelli - Sindrome - link
27) Giovanni Venturi - Racconti dall'isola - link
28) Giovanni Venturi - Joe è tra noi - link
29) Massimo Baglione - La donna dipinta per caso - link
30) Massimo Baglione - Un passo indietro - link
31) Dominique Bisset - Menhir - link
32) Allison J. Wade - Artemis - link
33) Alessandro Girola - Il treno di Moebius - link
34) Alessandro Panico - Le impronte dell'angelo - link
35) Fabrizio Venerandi - Il trionfo dell'impiegato - download FREE
36) Francesco Resta - Ho attraversato la valle solitaria - link
37) Rocco Barbalinardo - Il prezzo dell'onore - link
38) Samantha L'Ile - Generazione magica - link
39) Roberto Tartaglia - Lo scacciapensieri - link
40) Laura Schirru - New Babel - download FREE